Ragazzi, Genitori, Insegnanti: che cosa fare?

Ragazzi, Genitori, Insegnanti: che cosa fare?

Che cosa posso fare allora se mi trovo coinvolto o coinvolta in un atto di bullismo o di cyberbullismo?
 
Non esiste la “formula magica” per risolvere il problema. Ogni situazione di bullismo è diversa (ogni gruppo lo è), pertanto gli interventi richiedono flessibilità e specificità sul singolo caso. 

Tuttavia all'interno di tali situazioni è possibile rintracciare alcune caratteristiche comuni, che è importante conoscere per poter immaginare interventi funzionali alla gestione del fenomeno:
 
  •  Chi attua prepotenze (il bullo), lo fa ai danni di qualcuno che è più debole, allo scopo di essere considerato "un figo". In realtà prendersela con i più deboli sembra un cosa da vigliacchi più che da "fighi"... sei d'accordo?!?
  • Chi subisce prepotenze (la vittima) in genere è da solo/a contro tutti e sviluppa un forte senso di vergogna, paura, isolamento per cui non riesce a chiedere aiuto.
  • Chi "si limita" a far finta di nulla, a sottovalutare il problema o a ridacchiare di fronte alla foto compromettente di un compagno/a che fa il giro della scuola, lo fa pensando di non avere nessuna responsabilità nel sostenere il bullismo. Si sbaglia!!!
  • Chi usa indifferenza lo fa in genere perchè ha paura di eventuali ritorsioni da parte del bullo. 
  • Il potere ai bulli, lo diamo noi, con la nostra indifferenza, tutte le volte che non facciamo nulla per difendere chi subisce prepotenze o quando facciamo finta di non vedere.
  • Usare indifferenza nei confronti di un atto di prepotenza rende responsabili, allo stesso modo di chi lo fa: responsabili del dolore di chi la subisce. Dare aiuto ad una vittima significa, in alcuni casi, contribuire a salvarle la vita.

Tu puoi fare molto per contribuire ad arginare questo fenomeno.
Del resto ci hai mai pensato? Un giorno potrebbe capitare anche a te... Come te la passeresti se fossi proprio tu a subire prepotenze e fossi solo/a contro tutti? E se si trattasse proprio di tuo figlio/a? ...Oppure di un tuo alunno/a...? 


Qualche indicazione per i Genitori e gli Insegnanti
 
  • E' importante conoscere e riconoscere la gravità del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo.
  • Guidare i ragazzi ad un utilizzo prudente delle nuove tecnologie (smartphone e computer), oltre che della rete (web sites, social network, ecc).
  • Costruire relazioni di qualità con i ragazzi in modo da essere ri-assunti come adulti di riferimento, fidati e supportivi, ai quali poter chiedere aiuto.
  • Se l’aggressore è un altro studente, è importante segnarlo alla scuola.
  • Se l’aggressore è conosciuto, possono essere contattati i genitori e mostrate le prove degli atti aggressivi. Chiedete loro che le prevaricazioni smettano immediatamente e se, i genitori non sono disponibili, potete contattare la Polizia Postale e segnalare l’accaduto.


Qualche indicazione per i Ragazzi  
 
  • Non condividere le password, neanche con gli amici. 
  • Salvare le prove che documentino le offese e le prepotenze ricevute. Salvare documenti, cioè copie di messaggi, websites e instant-message.
  • La prima offesa, se di carattere minore, può essere ignorata, o cancellata. E' possibile bloccare il mittente attraverso programmi filtro.
  • Non rispondere a messaggi che suscitino disagio. Meglio ignorare il mittente e riferire quanto accaduto immediatamente ai genitori o a un adulto di riferimento.
  • L’azione del cyberbullo può essere segnalata ai moderatori delle chat o ai proprietari dei blog. Alcuni websites e social network hanno un help center che fornisce un link a cui segnalare profili offensivi.
  • Se la persecuzione è insistente ed i messaggi contengono minacce o ricatti, l’azione persecutoria può essere segnalata alla Polizia Postale.
  • Risalire all’identità della persona, che ci invia messaggi minacciosi e malevoli in forma anonima, è possibile. 
 

Puoi infine contattare il nostro Servizio Antibullismo il lunedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 o scriverci, quando vuoi, a info@gestalt-fc.it